Avere un giardino ricco di piante è un modo per creare una piccola oasi di pace e di tranquillità dove trascorrere le proprie giornate, ma è anche un modo per dare una mano all'ambiente. Con il nostro giardino permettiamo infatti al verde di arrivare nelle città e di purificare l'aria, immettendo nuovo ossigeno ogni giorno.

Pensate che è anche possibile scegliere delle piante antismog da esterno che riescono a filtrare le polveri sottili presenti nell'aria che ogni giorno respiriamo: si tratta di agenti inquinanti che vengono dispersi nell'aria dalle nostre automobili, dalle industrie, dagli impianti di condizionamento e riscaldamento degli edifici e che sono pericolosi per la salute dell'ambiente ma anche per la nostra stessa salute. Filtrarli grazie ai nostri giardini è insomma un gesto davvero molto importante.

 

Come funzionano le piante antismog

 

Le piante, tutte le piante, sono in grado di catturare durante il processo della fotosintesi clorofilliana gli agenti inquinanti presenti in versione gassosa nell'aria che ogni giorno respiriamo. Il metabolismo della pianta rende questi agenti inerti, ma è solo quando arrivano alle radici che avviene la loro neutralizzazione. All'interno della terra infatti, con cui le radici sono strettamente in contatto, sono presenti degli organismi che permettono di cancellare del tutto queste sostanze.

 

Come detto, tutte le piante portano avanti questo processo, ma alcune ci riescono meglio delle altre e proprio per questo motivo vengono ormai comunemente definite piante antismog. Pensate che queste piante sono in grado di catturare ed eliminare anche l'80% degli agenti inquinanti presenti.

 

Ovviamente però affinché tutto questo sia possibile, è necessario che la pianta sia curata in modo intenso, mai lasciata a se stessa e mai rovinata con potature inutili o prodotti chimici. Molto importante soprattutto quest'ultimo punto: risulta infatti inutile scegliere delle piante anti inquinamento se poi vengono curate con prodotti chimici che di inquinamento ne producono davvero in modo intenso, non sembra anche a voi?

 

Le migliori piante antismog

 

Le conifere sono senza dubbio una scelta eccellente sia per i giardini che per i terrazzi: aucuba, lauro, leylandi, tasso e tuja in modo particolare, perfette per le siepi, ma anche per dare vita a dei cespugli decorativi per i giardini. In alternativa, è possibile optare per le piante rampicanti, come, ad esempio, la famosa edera, che possono essere lasciate libere di arrampicarsi su altre piante, sui muri delle case oppure su pergolati e gazebo.

Anche alcuni alberi hanno capacità antismog davvero eccellenti come l'acero, il carpino, la catalpa, il ciliegio, il gelso, l'ontano, il platano e il tiglio, giusto per fare accenno a quelli piu famosi e utilizzati per giardini e balconi.


Il periodo migliore per le piantare le piante antismog

 

Il momento ideale per piantare questo genere di piante nei propri giardini e sui balconi di casa è proprio quello attuale, i mesi quindi di novembre di dicembre.

 

Potete scegliere di piantarle direttamente nel terreno, oppure in vaso. Se opterete per il vaso, ricordate sempre di utilizzare sul fondo anche delle biglie di argilla che permettono di evitare ristagni d'acqua e di eliminare l'umidità in eccesso. Il terriccio universale va benissimo per questo genere di piante, purché sia di ottima qualità.

 

 

 

Tecnoirrigazioni di Isoardi Silvano - Via del mondarello 10 12036 Revello (cn)

Cod.Fisc:SRDSVN81C22H727W -- Part.Iva:03350230045

sito creato con Joomla! / Designed by RocketTheme